• penne.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • alanno.jpg
  • roccamorice.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • nocciano.jpg
  • cugnoli.jpg
  • montesilvano.jpg
  • rosciano.jpg
  • moscufo.jpg
  • cepagatti.jpg
  • villaceliera.jpg
  • loreto.jpg
  • abbateggio.jpg
  • vicoli.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • salle.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa All’istituto Di Marzio nuovi impianti di produzione di energia elettrica e termica

dottavioLa Provincia di Pescara ha approvato il progetto definitivo di un sistema integrato di produzione di energia elettrica e termica che consenta allo stesso tempo di alimentare un sistema di raffrescamento. L’impianto, modernissimo, verrà installato nella sala riunioni dell’istituto “Di Marzio” in via Arapietra a Pescara.

“Grazie ad un finanziamento europeo pari a 150mila euro – spiegano il presidente della Provincia Guerino Testa e l’assessore all’Energia Angelo D’Ottavio – entro la fine dell’anno, nell’aula magna dell’istituto realizzeremo un impianto di cogenerazione che consente contemporaneamente di produrre energia elettrica e termica, vale a dire acqua calda sanitaria e di riscaldamento. Il posizionamento di questo sistema permetterà di ridurre il consumo di altre fonti di energia”.

Sul solaio della palestra dell’edificio verranno posizionate le macchine di produzione di energia e il sistema refrigerante che alimenterà i termoconvettori. Questi modelli di produzione non presentano problematiche di inserimento nel contesto architettonico circostante, ma soprattutto consentono di alleggerire le bollette portando calore in un locale che ha sempre fatto fatica a riscaldarsi.
“Stiamo portando avanti – aggiungono Testa e D’Ottavio – la nostra azione concreta di Provincia utile nei settori dell’energia e dell’edilizia scolastica. Cerchiamo in questo modo di consegnare una Provincia migliore di quella che abbiamo trovato nonostante i continui tagli e il declassamento dell’ente attuato dal Governo. Il nostro compito era e sarà ancora quello di promuovere buone prassi sul territorio provinciale”.


Add this to your website