• alanno.jpg
  • abbateggio.jpg
  • rosciano.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • penne.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • loreto.jpg
  • montesilvano.jpg
  • villaceliera.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • vicoli.jpg
  • cugnoli.jpg
  • roccamorice.jpg
  • nocciano.jpg
  • moscufo.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • salle.jpg
  • cepagatti.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Niente più divieto e sanzioni per chi brucia i residui di potature

lattanzio“Grazie alle sollecitazioni della Coldiretti e dell’assessorato all’Ambiente della Provincia di Pescara abbiamo ottenuto un grande risultato per gli agricoltori che non rischieranno più sanzioni”. Così esordisce l’assessore Mario Lattanzio in merito alla normativa inserita nel decreto legge 91 e che modifica il precedente divieto alla combustione di materiale agricolo e forestale proveniente da sfalci, potature o ripuliture di terreni.

“Grazie all’interesse della Coldiretti – spiega Lattanzio – gli agricoltori non incapperanno più in sanzioni per bruciare stoppie, sfalci, potature e erba che finora erano considerati un rifiuto e dovevano anche essere smaltiti adeguatamente. Adesso attendiamo che i sindaci elaborino le ordinanze per stabilire a livello locale i periodi e i terreni agricoli nei quali si potranno bruciare i residui delle potature”.


Add this to your website