• cepagatti.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • salle.jpg
  • penne.jpg
  • moscufo.jpg
  • montesilvano.jpg
  • villaceliera.jpg
  • nocciano.jpg
  • vicoli.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • loreto.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • rosciano.jpg
  • roccamorice.jpg
  • abbateggio.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • alanno.jpg
  • cugnoli.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Ex Cofa, la proposta di Testa: conferenza cittadina, progetto, demolizione e bonifica dell’ex mercato ortofrutticolo

testafasciaConferenza cittadina, progetto, demolizione e bonifica. Sono questi gli step che il presidente della Provincia di Pescara Guerino Testa considera fondamentali in merito alla riqualificazione dell’ex Cofa. Secondo Testa infatti l’abbattimento del mercato ortofrutticolo sul lungomare sud va fatto se c’è una via intrapresa per la sua trasformazione. “L’abbattimento del manufatto – spiega - non può essere un’operazione che si fa a prescindere. Va sicuramente effettuato perché demolire in questo caso significa bonificare un’area strategica della città e attualmente nel degrado totale, ma bisogna necessariamente realizzare un progetto, altrimenti il rischio concreto e reale è che si crei una nuova area di risulta dove, dopo anni, non si è ancora deciso cosa realizzarci e come realizzarlo.  La demolizione, quindi – sottolinea Testa - deve essere concepita come parte di un'idea di progetto, anche perché è possibile che ci siano delle tracce da mantenere.  Questa operazione ai fini della bonifica resta comunque urgente”.  Secondo il presidente della Provincia, prossimo alla proclamazione in consiglio comunale in veste di consigliere di Ncd, “si dovrebbe indire una conferenza cittadina che coinvolga istituzioni, consorzi, associazioni e la Camera di commercio che resta il protagonista “naturale” di questa vicenda perché ha manifestato un interesse per la struttura e perché gestisce già il porto turistico.  Dalla conferenza dovrà uscire una proposta progettuale, fatta attraverso un accordo di programma, in grado di stabilire le condizioni della trasformazione dell’ex Cofa la cui destinazione d’uso deve essere ricettiva, turistica e commerciale.  I tempi devono però essere rapidi. Rapidissimi anzi. Sollecito dunque tutti gli enti coinvolti a riunirsi e a mettere nero su bianco il programma di restyling di un’area preziosa e strategica per la città”, conclude Testa.


Add this to your website
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 18 Giugno 2014 11:52 )