• cugnoli.jpg
  • villaceliera.jpg
  • penne.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • vicoli.jpg
  • montesilvano.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • rosciano.jpg
  • moscufo.jpg
  • salle.jpg
  • abbateggio.jpg
  • alanno.jpg
  • loreto.jpg
  • cepagatti.jpg
  • roccamorice.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • nocciano.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Al via il Campionato Regionale di motociclismo

motoSono 180 i piloti iscritti al campionato regionale di motociclismo che prenderà il via domani (prima gara domenica 23 marzo, ore 10, a Torricella Sicura, nel teramano) e proseguirà fino a settembre. Sette le tappe in calendario di cui tre abruzzesi, una nelle Marche, due nel Lazio e una in Molise, hanno annunciato in conferenza il presidente del comitato regionale della Federazione molociclistica Elvio Fortuna e Marcello D'Ambrosio, che hanno sottolineato la presenza costante della Provincia, al loro fianco, con l'assessore Aurelio Cilli.
Le altre competizioni previste sul territorio abruzzese si terranno a Catignano, il 27 luglio, e a Carsoli, il 28 settembre. Nel pescarese, poi, è prevista una gara del campionato italiano Major, a Nocciano, l'8 giugno.
Tre i motoclub organizzatori: Lupi del cigno di Cugnoli, Falchi Laga di Teramo e Mirmidoni di Carsoli a cui si aggiungono gli altri sette club partecipanti che sono Arcobaleno, L'Aquila '99, Guardiagrele, Motociclisti aquilani, Lo Sherpa di Bussi, Due Torri Casoli e Motoclub Chieti.
Tra gli iscritti non ci sono solo abruzzesi ma anche motociclisti delle Marche e di altre regioni. Spiccano i nomi di Edoardo D'Ambrosio, di Montesilvano, e Roberto Bazzurri, umbro.
Uno spazio è dedicato anche ai bambini di età compresa tra 8 e 14 anni, per i quali è stata organizzata una competizione ad hoc (sono 25 i partecipanti).
"Dopo il campionato europeo di enduro dell'anno scorso, dice Fortuna, il nostro territorio è di nuovo protagonista con questo sport ed è un vero piacere che si parli di Pescara anche fuori dai confini nazionali". "L'enduro - aggiunge D'Ambrosio - non è un passatempo ma uno sport molto impegnativo e duro, considerato che le gare durano otto ore e il pilota deve fare tutto da solo. Sono necessarie una grossa concentrazione e una certa resistenza fisica. Alla presentazione del campionato ha partecipato il consigliere provinciale Vittorio Catone.


Add this to your website