• vicoli.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • abbateggio.jpg
  • montesilvano.jpg
  • cepagatti.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • roccamorice.jpg
  • villaceliera.jpg
  • nocciano.jpg
  • penne.jpg
  • moscufo.jpg
  • alanno.jpg
  • salle.jpg
  • rosciano.jpg
  • cugnoli.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • loreto.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Chiarimenti dalla Provincia su Lettera Cosap

tastaprimoPer un errore commesso da una società esterna, la Provincia di Pescara ha recapitato in questi giorni una lettera per il pagamento del canone Cosap per l’anno 2013 che riportava il logo e l’intestazione del Comune di Pescara al posto di logo e intestazione della Provincia. Le informazioni contenute nella missiva, come pure il bollettino allegato alla lettera per il pagamento delle somme dovute, sono invece tutte corrette e riportano il numero di conto corrente della Provincia di Pescara, a cui va versata la Cosap relativa ai passi carrabili sulle strade provinciali. Lo rende noto il presidente della Provincia Guerino Testa mettendo in evidenza che gli uffici competenti dell’ente stanno già provvedendo a spedire una seconda nota agli utenti per scusarsi del disguido e comunicare l’errore, effettuato dalla società che si è occupata della stampa e dell’invio. Nella lettera che sta per partire si ribadisce inoltre che le informazioni contenute nel documento spedito nei giorni scorsi sono corrette e che il bollettino può essere tranquillamente utilizzato per il pagamento. Per chiarimenti è possibile rivolgersi agli uffici della Provincia, in piazza Italia, lunedì e giovedì dalle 9 alle 13 e martedì dalle 15 alle 17 (Ufficio Concessioni Cosap). Il numero telefonico da contattare è: 085 3724457. L’indirizzo di posta elettronica certificata a cui rivolgersi è concessioni@pec.provincia.pescara.it.Il presidente commenta che “questo disguido potrebbe aver causato problemi agli uffici comunali per cui, laddove sia accaduto, ci scusiamo con tutti gli interessati e chiediamo ai cittadini di rivolgersi unicamente alla Provincia, titolare del canone”.


Add this to your website