• penne.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • salle.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • alanno.jpg
  • rosciano.jpg
  • abbateggio.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • vicoli.jpg
  • villaceliera.jpg
  • nocciano.jpg
  • moscufo.jpg
  • cugnoli.jpg
  • montesilvano.jpg
  • roccamorice.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • cepagatti.jpg
  • loreto.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Sborgia lancia allarme su chiusura guardia medica Civitaquana - Catignano

sborgia"In provincia di Pescara rischia di essere soppressa la Guardia medica (continuità assistenziale) di Civitaquana - Catignano e quella di Cepagatti si troverebbe ad assicurare assistenza ai cittadini di diversi comuni pedemontani, tra cui Civitaquana e anche Brittoli, che dista circa 23 chilometri". Il grido di allarme è del consigliere provinciale Camillo Sborgia, presidente della commissione Vigilanza della Provincia, che interviene sulla questione con una mozione presentata al presidente del Consiglio Giorgio De Luca, da discutere e votare in aula. Il provvedimento è finalizzato a chiedere al commissario alla Sanità Gianni Chiodi e al sub commissario Giuseppe Zuccatelli che "la riorganizzazione del servizio di continuità assistenziale non vegna attuata". La riorganizzazione è prevista nella delibera numero 61 del 27 agosto 2013 che dispone, complessivamente, la chiusura di 20 sedi in tutta la regione. Sborgia non condivide questo piano considerato che i conti della sanità sono stati risanati, in Abruzzo, per cui non si può parlare di motivazioni economiche, né si può tirare in ballo il criterio del rapporto numerico con la popolazione. Si dovrebbero invece introdurre, propone il consigliere provinciale, criteri specifici per le aree interne, che hanno caratteristiche geografiche, altimetriche, di viabilità e meteorologiche particolari, e si dovrebbero tenere presenti anche i tempi di intervento necessari nelle diverse zone del territorio, ricordando che vanno garantiti i livelli essenziali di assistenza e la qualità del servizio e senza dimenticare, poi, il necessario mantenimento dei livelli occupazionali. Per quanto riguarda l'area pescarese Sborgia commenta che "ci sarebbero notevoli disagi per i cittadini, in particolare nei periodi più freddi dell'anno. Non si può pensare, dice, di gestire in maniera efficace ed efficiente un territorio così ampio tagliando postazioni e servizi in un settore fondamentale come quello che riguarda la salute".

 


Add this to your website
Ultimo aggiornamento ( Martedì 17 Dicembre 2013 11:09 )