• roccamorice.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • villaceliera.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • montesilvano.jpg
  • cepagatti.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • salle.jpg
  • nocciano.jpg
  • abbateggio.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • alanno.jpg
  • penne.jpg
  • moscufo.jpg
  • loreto.jpg
  • vicoli.jpg
  • rosciano.jpg
  • cugnoli.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Maltempo, Sborgia lancia l'allarme sul pescara in caso di nuove piogge
sborgiaIl consigliere provinciale Camillo Sborgia, presidente della commissione di Vigilanza, lancia l'allarme sul fiume Pescara e torna a chiedere un intervento urgente del Servizio Genio civile regionale sul fiume Nora, dove è stato già effettuato un sopralluogo su sollecitazione proprio di Sborgia. L'intervento del consigliere arriva a seguito delle piogge abbondanti dei giorni scorsi che hanno provocato la tracimazione dei corsi d'acqua, creando danni notevoli in diversi comuni. "A Rosciano, Manoppello, Cepagatti e Spoltore si rende indispensabile un intervento del Servizio Genio civile regionale e della Protezione civile. Si attivino quanto prima per verificare lo stato dei luoghi lungo il corso d'acqua e prendere provvedimenti immediati, finalizzati alla pulizia dell'alveo e al ripristino degli argini. Va fatto con urgenza - incalza Sborgia - perché c'è il rischio di una nuova esondazione in caso di pioggia, anche se minima. A questo scopo mi rivolgerò al prefetto che nei giorni scorsi si è attivato e ha preso in considerazione la mia segnalazione relativa al Nora, nel territorio di Cepagatti, facendo intervenire il Servizio Genio civile regionale. A Cepagatti, peraltro, la situazione si è ulteriormente aggravata, con le ultime piogge, tanto che ora la strada è transennata ma si deve fare in modo di ripristinare il transito".
Per Sborgia "non c'è tempo da perdere. E' chiaro che la situazione appare assolutamente precaria e non può essere sottovalutata. Si deve agire con la massima urgenza per tutelare la popolazione, in modo particolare chi lavora e ha un'attività e non può correre altri rischi né subire altri danni".


Add this to your website