• sede_provincia_pescara.jpg
  • penne.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • rosciano.jpg
  • montesilvano.jpg
  • loreto.jpg
  • abbateggio.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • cugnoli.jpg
  • salle.jpg
  • villaceliera.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • cepagatti.jpg
  • alanno.jpg
  • vicoli.jpg
  • nocciano.jpg
  • roccamorice.jpg
  • moscufo.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Crisi aziendali, la Provincia avvia il Progetto Linfa per ricollocare i lavoratori

cpiHa preso il viaì il progetto Linfa, promosso dalla Provincia di Pescara e finalizzato a ricollocare sul mercato del lavoro, dopo un percorso articolato, i percettori di ammortizzatori sociali residenti sul territorio Pescarese, coinvolti cioè in situazioni di crisi aziendale. I primi ad essere contattati, a partire da lunedì, saranno 40 lavoratori, e prossimamente la Provincia coinvolgerà anche gli addetti dell’Aurum, la nota azienda che nei mesi scorsi ha deciso di interrompere la produzione in Abruzzo. Ad annunciare l’avvio del progetto sono il presidente Guerino Testa e l’assessore alle Politiche del lavoro Antonio Martorella che illustrano finalità e modalità di svolgimento di Linfa, spiegando che si tratta di “un progetto in più fasi, che si concluderà nel mese di marzo e che vede in campo, insieme alla Provincia, le Agenzie Private per il Lavoro e gli Organismi di Formazione accreditati. Un progetto innovativo che nei giorni scorsi è stato presentato ufficialmente e dettagliatamente ai segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil".

FINALITA’
"Il progetto L.In.F.A. (Lavoro Innovazione Formazione in Abruzzo) - dice Martorella - rappresenta una sperimentazione, del tutto inedita nel territorio regionale abruzzese, di modalità innovative di gestione/soluzione delle situazioni di crisi aziendale, basata sull'integrazione tra Centri per l'Impiego provinciali, Agenzie Private per il Lavoro, e Organismi di Formazione accreditati, per favorire la permanenza o il reinserimento nel mercato del lavoro di percettori di ammortizzatori sociali, attraverso l’attuazione di un percorso integrato di accoglienza, orientamento, formazione e ricollocazione".


DESTINATARI
Sono individuati come partecipanti al progetto LINFA, e quindi come destinatari della Dote Individuale, i soggetti residenti nella provincia di Pescara, percettori dei seguenti ammortizzatori sociali:
a) mobilità in deroga;
b) mobilità L. 223/91;
c) CIG in deroga;
d) CIGS per cessazione di attività.

IL PERCORSO
Il lavoratore che è stato ammesso all’ammortizzatore sociale e rientra nel progetto Linfa (individuato a questo scopo in un Piano di Riqualificazione e/o Ricollocazione integrativo dell’Accordo con cui è stata conclusa la vertenza sindacale) viene convocato dal CPI (Centro per l’impiego) provinciale di competenza per la presa in carico, l’accoglienza ed un primo colloquio di orientamento di base, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.
Le successive attività si diversificano in base al tipo di ammortizzatore sociale di ciascun lavoratore e quindi il percorso può includere sia attività formative che di ricollocazione oppure unicamente le attività formative di riqualificazione.

RISORSE DISPONIBILI
Per la realizzazione del progetto sono attualmente disponibili € 532.461,00 a valere sul Fondo Sociale Europeo. Per ciascun destinatario percettore di CIG in deroga la Dote massima attribuibile per l’intero percorso è pari a € 4.730,00; per i destinatari percettori di CIGS o Mobilità la Dote massima attribuibile per l’intero percorso è pari a € 4.580,00.

REALIZZAZIONE DELLE AZIONI
Le azioni progettuali si articolano in 3 fasi:
Orientamento
Formazione
Ricollocazione
La Provincia ha come partner Organismi di Formazione (ODF) accreditati, per la realizzazione delle attività di formazione, e Agenzie per il Lavoro (APL) private, autorizzate dal Ministero, per le attività di ricollocazione, individuati sulla base di un invito pubblico.

FRUIZIONE DELLA DOTE
I servizi di riqualificazione sono rimborsati direttamente all’Organismo di formazione che ha erogato l’attività formativa, sulla base dei costi orari standard definiti nella normativa regionale. I servizi di ricollocazione sono rimborsati direttamente all’Agenzia per il Lavoro prescelta solo a risultato ottenuto, ossia in caso di effettiva stipula di un contratto di lavoro subordinato o di apprendistato, entro il limite massimo di € 2.000,00.


Add this to your website
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 25 Ottobre 2013 09:36 )