• alanno.jpg
  • loreto.jpg
  • salle.jpg
  • montesilvano.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • roccamorice.jpg
  • villaceliera.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • moscufo.jpg
  • nocciano.jpg
  • cugnoli.jpg
  • vicoli.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • abbateggio.jpg
  • rosciano.jpg
  • penne.jpg
  • cepagatti.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Incassati 295.000,00 euro per la vendita dell’area del Kartdromo di Cappelle

KartodromoDopo alcuni tentativi andati a vuoto la Provincia di Pescara è riuscita a vendere una parte del proprio patrimonio immobiliare, e precisamente il lotto di terreno di 23.340 mq sito a Cappelle sul Tavo, adibito a impianto sportivo/pista go-kart. Il terreno, che fa parte del terzo lotto dei beni messi all’asta già nel 2016, e nuovamente messi in vendita lo scorso anno, è posizionato lungo una direttrice viaria di notevole interesse turistico, caratterizzata da ampie coltivazioni di ulivo.
Fino a qualche mese fa l’area era stata affittata per l’utilizzo come Kartodromo.
La somma di 295.300,00, che corrisponde al valore dell’immobile così come proposto e approvato dal Consiglio Provinciale nel 2015, è stata già incamerata quasi intermente dall’Ente, che utilizzerà questo e gli altri eventuali ricavi provenienti dall’alienazione di altri beni di proprietà, per rimpinguare il risicato bilancio dell’Ente.
Il terreno è stato venduto, in seguito ad asta pubblica, alla ditta Carlos Crescia di Montesilvano, unica ditta a proporre l’offerta alla Provincia.
Nello stesso lotto figuravano anche altri beni: l’edificio ex Napolplast in via Breviglieri e l’ex casa cantoniera di Catignano, la cui proposta di vendita è andata deserta.
“Per questi due beni – dichiara il presidente Di Marco – mi appresto a firmare il decreto per effettuare una nuova asta, magari riducendo il valore degli immobili. Continueremo su questa strada, anche per dare seguito a precise direttive che vengono dal Governo, che ci autorizzano e anzi ci obbligano a disfarci del patrimonio immobiliare incamerato nel corso di decenni. E’ un processo difficile, considerato anche il periodo di crisi del comparto immobiliare, ma non possiamo fare altro per poter rimettere a posto i conti, ancora in rosso, del bilancio provinciale”.


Add this to your website
Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 07 Febbraio 2018 12:44 )