• tocco_da_casauria.jpg
  • cugnoli.jpg
  • salle.jpg
  • nocciano.jpg
  • rosciano.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • cepagatti.jpg
  • villaceliera.jpg
  • vicoli.jpg
  • alanno.jpg
  • roccamorice.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • moscufo.jpg
  • penne.jpg
  • loreto.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • montesilvano.jpg
  • abbateggio.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Piano d’Orta, avanti con la proposta di ampliare la perimetrazione dell’area

PianodOrtaC’erano proprio tutti questa mattina a Piano d’Orta, nell’area dell’ ex Montecatini, al sopralluogo convocato dalla regione Abruzzo per valutare i nuovi eventuali confini dell’area inclusa nel Sito di Interesse Nazionale (S.I.N. denominato “Bussi sul Tirino) di Bolognano. Insieme al dirigente del settore Ambiente della Regione, Franco Gerardini, c’erano il Presidente della Provincia Antonio Di Marco, il Comandante della Polizia Provinciale Giulio Honarati, il Sindaco di Bolognano Silvina Sarra, l’avv. Matteo Di Tonno per il Comune di Bolognano e la Provincia di Pescara, Lucina Luchetti dell’ARTA, Federica Ederle, della famiglia proprietaria del terreno, Augusto De Sanctis, del Forum dell’acqua, rappresentanti della ASL e della Edison.

Il sopralluogo era stato richiesto dal ministero dell’Ambiente e indetto dalla regione Abruzzo per mettere a punto la proposta di una nuova perimetrazione dell’area del sito, ricalcando l’area originaria dell’antico stabilimento di acido solforico, area circoscritta dalle mura originarie dello stabilimento.

Se l’ampliamento sarà approvato, la Giunta Regionale dovrà poi deliberare in questo senso.

“La Provincia – ha dichiarato Antonio Di Marco - anche alla luce della nuova perimetrazione del sito, valuta l’eventuale richiesta di risarcimento del danno ambientale nei confronti del soggetto responsabile dell’inquinamento. Le lavorazioni compiute in sfregio alla tutela dell’ambiente e del territorio verranno attentamente vagliate così da poter restituire alla comunità un’area idonea agli usi residenziali e produttivi e di trasformare i danni arrecati in un indennizzo fa riversare anch’esso in favore del territorio”.


Add this to your website