• cepagatti.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • rosciano.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • vicoli.jpg
  • alanno.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • moscufo.jpg
  • loreto.jpg
  • roccamorice.jpg
  • montesilvano.jpg
  • abbateggio.jpg
  • salle.jpg
  • penne.jpg
  • nocciano.jpg
  • villaceliera.jpg
  • cugnoli.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa L'albero lanterna in Provincia

albero2016Circa 15 alunni del liceo artistico Misticoni-Bellisario ci hanno lavorato per una decina di giorni, partendo dalla progettazione e per finire alla illuminazione, con la guida delle docenti Amalia Ricci e Maria Valeri.
Oggi è stato ufficialmente “acceso” l’ALBERO LANTERNA fatto realizzare , su richiesta del Presidente della Provincia Antonio Di Marco dal liceo Misticoni, e in particolare dagli allievi dell’ indirizzo figurativo
Si tratta di un albero di Natale stilizzato, bianco, simbolico, costituito da tre pannelli alti tre metri, a metà tra il design e la scultura, e realizzato con materiale povero: cartone, legno, acrilico leggero, illuminato dall'interno per creare un gioco di luci che ne esalta, pure nella semplicità del disegno, la linea stilizzata del tronco e dei rami.
Questa mattina la dirigente scolastica dell’istituto, Raffaella Cocco e il Presidente Antonio Di Marco, hanno ringraziato gli alunni e le docenti autori dell’opera, “ che – ha detto Di Marco – rimarrà per qualche anno come simbolo del Natale in questo spazio, magari arricchendolo e completandolo con altre installazioni”.
“Il nostro albero – ha detto una studentessa a nome di tutti gli allievi – nasce come studio relativo all’architettura degli alberi. La scelta della forma, del colore e della struttura si rifanno ad una rappresentazione realistica ma nello stesso tempo simbolica. Il bianco rappresenta il colore della spiritualità, della luce, della purezza e della nascita, tutti simboli legati all’idea del Natale”.
“Per me una doppia soddisfazione – ha concluso Di Marco - avendolo avuto come dono e potendo mostrare concretamente ad un pubblico ampio quali sono i livelli che le nostre scuole riescono a raggiungere, spesso con scarse risorse e riciclando


Add this to your website