• salle.jpg
  • loreto.jpg
  • abbateggio.jpg
  • alanno.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • rosciano.jpg
  • nocciano.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • roccamorice.jpg
  • penne.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • cepagatti.jpg
  • villaceliera.jpg
  • montesilvano.jpg
  • vicoli.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • cugnoli.jpg
  • moscufo.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Al via i progetti turistici di 5 mila aziende abruzzesi

progettitur2016Percorsi enogastronomici, per scoprire le eccellenze dal farro allo zafferano, costruzione di agrinido, sviluppo di fattorie didattiche e sentieri del miele. Ma anche musei diffusi, percorsi naturalistici, seguendo il corso dei fiumi, come le escursioni in canoa lungo il fiume Tirino e poi, ancora, i grandi eventi sportivi. Sono alcuni dei progetti illustrati giovedì all'Aurum nel corso del summit europeo "L'innovAZIONE del Turismo e dell'Agroalimentare: la sfida dei territori".

Ad oggi sono 5 mila le aziende abruzzesi che hanno aderito al portale Adriancubator, un incubatore virtuale, frutto del progetto europeo Adriafootouring, che ha come obiettivo stimolare l’innovazione nei settori dell’agroalimentare e del turismo, che raggruppa Abruzzo, Emilia Romagna, Veneto, Bosnia Herzegovina, Slovenia, Montenegro e Albania e vede la Provincia di Pescara ente capofila.
Nella top ten delle richieste di consulenza giunte al portale Adriancubator da parte delle 5 mila aziende abruzzesi ci sono: la possibilità di accesso ai finanziamenti per innovare le attività ricettive extralberghiere ed agriturismi e le normative fiscali vigenti nei paesi transfrontalieri dell’area adriatica.

"Il progetto - spiegano il presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco e Franca Terra, responsabile del servizio Turismo della Provincia, financial manager di Adriafootouring - appartiene al programma europeo di cooperazione transfrontaliera Ipa Adriatic, è stato avviato nel 2012 con un budget di 2 milioni di euro, finanziati dall'Unione Europea".

Tangibili i risultati del progetto Adriafootouring, che ha portato anche ad un confronto tra i diversi modelli di business turistico adottati da ciascun Paese partner, visto che già dal primo giugno ripartiranno da Bussi le escursioni in canoa lungo il Tirino, grazie al progetto della cooperativa Il Bosso, che ha aderito ad Adriancubator. Poi ancora la creazione di pacchetti turistici alla scoperta delle aree interne e dei borghi, venduti online, grazie al progetto della Wolftour; l'ideazione di una serie di percorsi turistici dedicati allo sport e ai grandi eventi sportivi, anche per nicchie di mercato, a cura delle Dmc Terre del Piacere, che ha già inserito l'Abruzzo tappa del campionato internazionale di golf per diversamente abili.

Nel corso del summit che si è svolto all'Aurum, moderato da Andrea Purgatori, si è discusso anche della proposta di legge regionale sui Borghi più belli d'Italia, per tutelarne peculiarità e patrimonio architettonico e paesaggistico, attraverso fondi e sgravi fiscali. Al via poi il momento goloso con il lunch preparato dall'istituto alberghiero "De Cecco" di Pescara, e gli show cooking di Enza Liberati docente dell'alberghiero e presidente abruzzese del circuito Lady Chef, dello chef stellato Arcangelo Tinari e del maestro pasticcere Federico Anzellotti, presidente nazionale Conpait, che ripercorreranno la tradizione gastronomica adriatica in un goloso abbraccio con i Paesi transfrontalieri.

Durante lo show cooking "Diamo gusto all'innovazione: i sapori seguono la rotta adriatica" lo chef stellato Arcangelo Tinari, di Villa Maiella, ha preparato uno sgombro marinato all'arancio, lavorando un classico della gastronomia che accomuna le due sponde dell'Adriatico con una tecnica di marinatura innovativa che ha previsto anche un veloce passaggio in forno. L'arancio è stato il protagonista anche della crema leggera ai sassi, dolce preparato dal maestro pasticcere Federico Anzellotti, che utilizzerà un must della tradizione dolciaria adriatica: le mandorle.


Add this to your website