• salle.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • alanno.jpg
  • abbateggio.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • nocciano.jpg
  • montesilvano.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • rosciano.jpg
  • roccamorice.jpg
  • vicoli.jpg
  • villaceliera.jpg
  • loreto.jpg
  • moscufo.jpg
  • cepagatti.jpg
  • penne.jpg
  • cugnoli.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Il dipinto “La Figlia di Jorio” compie 120 anni

figliadijorio

Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo promuove, anche per il 2015, il progetto Domenica di carta con l’apertura di Archivi e Biblioteche statali, per valorizzare il patrimonio conservato in quegli Istituti.
L’Archivio di Stato di Pescara resterà aperto dalle 9,00 alle 13,00 proponendo la visita alla mostra “Mangiami” - che si inserisce nel progetto EXPO e territori - curato dal comune di Ortona.
Contestualmente, in collaborazione con la Provincia di Pescara e la Fondazione Pescarabruzzo, promuove la

Presentazione della brochure per i 120 anni del dipinto di Francesco Paolo Michetti
DOMENICA 11 OTTOBRE, ore 10,30

La Figlia di Iorio

Presso il Palazzo del Governo - Sala “Figlia di Iorio” Pescara

Nella terra d’Abruzzi, or è molt’anni.

Nella terra d’Abruzzi, or è molt’anni.

Nella terra d’Abruzzi, or è molt’anni, si legge all’inizio della tragedia La figlia di Iorio, scritta nel 1903 e rappresentata nel 1904 da Gabriele d’Annunzio, diversi anni dopo che il suo amico Francesco Paolo Michetti aveva portato a termine, con lo stesso titolo, una grande tela a tempera (cm. 280 x 550). Stupore e incanto suscitò il dipinto per l’ardire della composizione e per il segreto del contenuto. Molto si è scritto, pensato e supposto su una realtà che forse è impossibile conoscere nella sua completa verità.
Si preferisce scrivere “Iorio” con la lettera “I” anziché “J”, come a volte si legge, perché lo scrittore scelse tale soluzione per il nome attribuito a un personaggio legato alla dichiarata fonte ispiratrice. Sembra, infatti, che i due amici, Michetti e d’Annunzio, siano stati spettatori involontari di un episodio improvvisamente accaduto davanti al loro sguardo. L’evento che conteneva il sentore di un atavico Abruzzo, suggerì le immagini al pittore e le adeguate parole allo scrittore.
Per rendere al visitatore una lettura dell’opera pittorica, il più possibile veritiera e chiara, l’Archivio di Stato di Pescara, con la collaborazione della Fondazione Pescarabruzzo, offre alla Provincia di Pescara, nella sede del Palazzo del Governo, dove è esposto il quadro, un pieghevole che, molto brevemente, propone i passi più salienti di una narrazione: questa, oltre a essere interpretata sotto il profilo artistico, viene anche valutata per alcuni riferimenti ambientali e storici della regione.
La breve cerimonia, che si svolgerà domenica 11 ottobre c.a. alle ore 10,30 presso la sala dove è collocata l’opera michettiana, vuole essere anche un atto di omaggio a una “Figlia” d’Abruzzo che quest’anno compie 120 anni. Il quadro di Michetti, infatti, ricevette il primo premio alla Prima Biennale di Venezia, dove venne esposto nel 1895. La sua presenza a Pescara segue un altro filone narrativo che si articola e si unisce alla storia della nazione e della città. Tutto questo è scritto e messo a conoscenza del fruitore.
Il pieghevole, redatto in due lingue (italiano e inglese), dopo i saluti delle autorità, verrà presentato dal prof. Andrea Lombardinilo. Seguirà l’illustrazione del dipinto a cura dell’autrice dello scritto, Gabriella Albertini. Sono inoltre citati i collaboratori alla realizzazione del progetto: cura redazionale: Angela Maria Appignani, traduzione: Athena Traduzioni, Pescara; Progetto grafico: Francesco Miccoli; Riproduzione fotografica del dipinto: Piero Cipollone; Editing: Franca Cauti.
Per l’occasione la sala Figlia di Iorio resterà aperta al pubblico, fino alle ore 13,00.
Ingresso libero, brochure in omaggio.

scarica la locandina


Add this to your website
Ultimo aggiornamento ( Martedì 06 Ottobre 2015 07:00 )