• abbateggio.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • roccamorice.jpg
  • alanno.jpg
  • cugnoli.jpg
  • montesilvano.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • vicoli.jpg
  • salle.jpg
  • moscufo.jpg
  • nocciano.jpg
  • rosciano.jpg
  • loreto.jpg
  • cepagatti.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • penne.jpg
  • villaceliera.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa La Provincia assicura: non si perderanno i fondi per l'Itas di Alanno

cuppari alanno“La mancata partenza del bandi per i lavori all'Itas di Alanno non è questione di lassismo o di inefficienza. Così il presidente della Provincia Antonia Di Marco, nel rispondere alla nota preoccupata dei consiglieri provinciali Marinelli, D'Incecco e Lattanzio, insieme ai consiglieri comunali di minoranza di Alanno.

“Da lunedì prossimo si darà esecutività alla Delibera del consiglio provinciale che ci permette di superare i limiti imposti dal Patto di Stabilità, assumendocene, com'è noto, le nostre responsabilità. Ma grazie allo sblocco dei fondi che sono nella nostra disponibilità, potremo finalmente indire la gara per i lavori di consolidamento e adeguamento sismico del Convitto dell'Istituto tecnico per l'Agricoltura di Alanno. Senza la disponibilità di fondi non potevamo prevedere il cofinanziamento necessario per far partire la gara, e dunque l'affidamento dei lavori, atto necessario per ottenere il finanziamento di 1,4 milioni di euro dalla regione.
I consiglieri di opposizione,ancora una volta fanno finta di non sapere quali incredibili limiti ci sono stati imposti per la spesa, e soprattutto quale scure si era abbattuta su questa come su tutte le Province italiane son il Decreto Enti Locali del 19 giugno scorso. Praticamente dovevamo restare fermi, e contare le ferite derivanti dalla fine certa e veloce delle Province. Ma con Il decreto del 4 agosto, che ha ridato fiato e operatività agli Enti, consentendo di approvare il bilancio 2015 e alleggerendo le sanzioni per lo sforamento del Patto, possiamo, oltre che pagare i nostri creditori,riprendere le attività e gli investimenti che implicano un impegno di spesa
Insomma i consiglieri provinciali e quelli comunali possono stare tranquilli: è nostro interesse non perdere quei fondi e lo non li perderemo. IL Fondo per gli interventi demaniali che secondo loro, avrebbe consentito di espletare la procedura non era necessario, in quanto a novembre scorso sapevamo di avere la disponibilità necessaria già nel bilancio della Provincia. Aggiungo infine che so essere in dirittura d' arrivo il nuovo parere della Sovrintendenza per le modifiche del progetto originario, e questo ci permette di abbattere ogni indugio”.

 


Add this to your website
Ultimo aggiornamento ( Martedì 15 Settembre 2015 11:26 )