• salle.jpg
  • villaceliera.jpg
  • nocciano.jpg
  • abbateggio.jpg
  • cugnoli.jpg
  • vicoli.jpg
  • loreto.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • cepagatti.jpg
  • alanno.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • moscufo.jpg
  • montesilvano.jpg
  • rosciano.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • penne.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • roccamorice.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Il Presidente Upi Abruzzo Antonio Di Marco su esitio nuova assemblea Upi

assemblea upiQuesta mattina il presidente Upi Abruzzo Antonio Di Marco si è recato a Roma per partecipare alla riunione dell’Upi nazionale, organizzata dal presidente Achille Variati a Roma, nella Sala del Tempio di Adriano, Piazza di Pietra. Presenti tutti i presidenti delle quattro province abruzzesi.
“Il presidente nazionale Achille Variati – spiega Di Marco – ci ha riunito nuovamente in queste ore, mentre è in corso in senato la discussione sul decreto enti locali e sui correttivi presentati dall’Upi, per ribadire alcuni punti fondamentali della battaglia che stiamo portando avanti per tutelare gli utenti e i servizi offerti dalle Province.
Abbiamo ricordato i principali tratti della nostra proposta: farci utilizzare l’avanzo amministrativo libero e disponibili; approvare il bilancio 2015 in maniera separata da quello del 2016 e del 2017; prevedere che il 50 per cento delle entrate relative all’alienazione degli immobili di proprietà delle Province possa essere previsto nelle spese correnti; eliminare l’obbligo del 10 per cento di contributo per il debito pubblico; eliminare le sanzioni previste per il superamento del patto di stabilità; stabilire norme per il personale in esubero attualmente ancora a carico delle Province.
Inoltre, si è ribadita la necessità di far slittare a dicembre l’approvazione del triennale e Variati ci ha esortati a non dimetterci da presidenti fino a quella data e di portare avanti con forza e compattezza le nostre ragioni. Nessuno di noi riconsegnerà la fascia fino a fine anno e continueremo, nei limiti delle nostre possibilità, a fornire ai cittadini i servizi che meritano. Il governo, in questa fase finale, sembra stia recependo l’impatto che la riforma Delrio avrà sulla comunità e ci arrivano buoni segnali di apertura e dialogo”.


Add this to your website