• loreto.jpg
  • penne.jpg
  • abbateggio.jpg
  • cepagatti.jpg
  • cugnoli.jpg
  • alanno.jpg
  • rosciano.jpg
  • nocciano.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • vicoli.jpg
  • salle.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • roccamorice.jpg
  • moscufo.jpg
  • villaceliera.jpg
  • montesilvano.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Pianella – sequestro di rifiuti pericolosi da parte della Polizia Provinciale

rifiutiIeri mattina,dopo una serie di controlli e accertamenti presso una ditta situata in Contrada Conoscopane a Pianella (Pescara), il personale della Polizia Provinciale diretto dal Comandante Giulio Honorati ha proceduto al sequestro di una vasca con volume di circa 15 metri cubi e di una parte del piazzale per circa 80 metri quadri, più una serie di fusti di rifiuti pericolosi e imballaggi misti per più di 2 quintali contenuti all'interno di un locale in evidente stato di abbandono, informando il Sostituto Procuratore di turno. In tali attività di controllo e accertamento ha operato il coordinatore delle Guardie Ecologiche Volontarie Liliana Febbo.

“Dalle indagini esperite sul ciclo produttivo della ditta – spiega Honorati – è stato accertato che in una parte del piazzale erano presenti cumuli di rifiuti solidi non organizzati per categorie, abbandonati in terreno non impermeabilizzato, creando un vero e proprio deposito incontrollato, rifiuti depositati sul terreno senza alcuna misura cautelativa atta ad impedire il dilavamento dei rifiuti a danno del terreno sottostante. Inoltre sono stati rinvenuti rifiuti bruciati e in una vasca a tenuta era stato stoccato irregolarmente rifiuto liquido, presumibilmente pericoloso.
E' intervenuto anche il personale dell'ARTA per la caratterizzazione e campionamento dei rifiuti rinvenuti. Il titolare della ditta è stato identificato”.

Le violazioni accertate sono quelle dell’art. 256 del D.lvo 152/06, per la realizzazione d un deposito incontrollato di rifiuti pericolosi e non e dell'art. 256 bis per i rifiuti smaltiti irregolarmente mediante bruciatura, e sono di carattere penale punite nel primo caso con la pena dell’arresto da 3 mesi ad un anno e con l’ammenda da € 1.300,00 a € 13.000 e nel secondo caso con la pena della reclusione da 2 a 5 anni, fatti salvi gli obblighi di bonifica o di ripristino dello stato dei luoghi.

I collaboratori del Comandante Honorati e le GEV hanno anche la presenza di uno scarico che risultava confluire in un fosso antistante lo stabilimento oggetto del controllo, senza avere la necessaria autorizzazione (cui seguirà sanzione amministrativa). Da tale accertamento e da primi indizi emergeva che
gli scarichi degli insediamenti civili e industriali della contrada Conoscopane di Pianella siano collegati ad un tubo fognario che presumibilmente riversa i liquami, ma senza alcun depuratore, in un laghetto denominato lago della Marchesa. Sono in corso verifiche approfondite per tale situazione di scarico di acque inquinate da liquami fognari non depurati, oltre ad accertare anche l'eventuale collegamento tra il laghetto e il fiume Nora.

“L’operazione effettuata – dichiara il presidente della Provincia Anton io Di Marco , evidenzia, nonostante le incertezze normative sulla riorganizzazione delle Polizie Provinciali, lo spirito di appartenenza, la professionalità, presenza, visibilità e attività di controllo degli Operatori di Polizia Provinciale di Pescara, con il supporto delle Guardie Ecologiche Volontarie, quale buon sistema di prevenzione e repressione per la sicurezza e la tutela dell’ambiente, oltre a dare una rapida risposta alle richieste dei cittadini."


Add this to your website