• cugnoli.jpg
  • vicoli.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • montesilvano.jpg
  • loreto.jpg
  • moscufo.jpg
  • nocciano.jpg
  • penne.jpg
  • abbateggio.jpg
  • villaceliera.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • alanno.jpg
  • rosciano.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • cepagatti.jpg
  • salle.jpg
  • roccamorice.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Al via lavori per incremento del potenziale turistico dell'alta vestina del valore di 1,4 milioni di euro

dimarco1Martedì, 28 aprile 2015, la Provincia di Pescara consegnerà all’impresa aggiudicataria, la Marinelli di San Salvo, i lavori per la valorizzazione e messa in sicurezza della “Strada della montagna” (SS.PP. per Farindola, Montebello, Vestea, Civitella Casanova, Carpineto della Nora, Villa Celiera, Vicoli, Brittoli e Civitaquana).

“Si tratta di un intervento esteso e strutturale - dichiara il presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco -, del valore complessivo di circa 1,4 milioni di euro derivanti da residui di fondi PIT, che ha come obiettivo rendere fruibile e godibile, da un punto di vista turistico, parte del territorio provinciale che si snoda e vive ai piedi e nelle immediate vicinanze dei parchi nazionali Gran Sasso - Monti della Laga e Maiella – Morrone. Non solo. Il nostro ambizioso progetto prevede anche di migliorare il tasso di fruizione turistica ed ambientale della zona, contribuendo allo sviluppo sociale, economico ed occupazionale del territorio interessato.
Il progetto – continua il presidente Di Marco – prevede, quindi, la realizzazione una serie di interventi finalizzati alla valorizzazione dell’asse pedemontano, di alto valore paesaggistico e naturalistico che attraversa diversi centri storici capoluoghi di Comuni di ragguardevole importanza storica ed architettonica ricompresi nell’ambito provinciale.

A tal fine, i lavori saranno finalizzati ad effettuare correzioni e rettifiche di curve con limitata visibilità; al rifacimento del manto stradale; alla realizzazione di nuove opere d’arte sulle strade esistenti necessarie a proteggere e/o contenere il solido stradale, attraverso nuovi muri di sostegno, tombini di attraversamento, cordoli con zanelle e piccoli ponticelli; al rifacimento della segnaletica stradale; e alla sistemazione di aree che possano catturare l’attenzione e la curiosità dell’osservatore così che nella sosta possa godere delle bellezze naturalistiche ed ambientali nelle strategiche aree dei Comuni citati, attraverso la realizzazione di slarghi per la sosta e l’osservazione con elementi di arredo urbano ubicati in punti strategici ove è possibile beneficiare di viste panoramiche e vedute sui centri antichi”.


Add this to your website