• aanataleslide.jpg
  • cugnoli.jpg
  • villaceliera.jpg
  • salle.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • roccamorice.jpg
  • montesilvano.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • abbateggio.jpg
  • loreto.jpg
  • moscufo.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • torre_de_passeri.jpg
  • cepagatti.jpg
  • nocciano.jpg
  • rosciano.jpg
  • vicoli.jpg
  • alanno.jpg
  • penne.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Di Marco su azioni intraprese alla luce della legge Delrio

delrioIl presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco subito dopo il suo insediamento ha prontamente costituito l’ufficio di pianificazione e programmazione afferente alla riforma Delrio. Il coordinamento dei lavori è stato affidato a Bernardo Mazzocca, al fine di attivare una serie di iniziative utili per i Comuni e catalogare tutte le azioni svolte proprio in funzione dei Comuni.
La prima già questa mattina, quando Di Marco ha inviato una lettera ai 46 sindaci della provincia di Pescara ricordando loro che le professionalità di palazzo dei marmi e il complesso delle attività che l’ente che attualmente la Provincia è in grado di assicurare in forme centralizzate ai Comuni, con modalità da definire caso per caso, “rendono immediatamente praticabili anche forme di collaborazione tra i nostri enti attraverso la messa a disposizione a favore dei Comuni di personale provinciale qualificato, mediante l’applicazione di strumenti gestionali già contemplati dalla normativa di settore (comando e mobilità volontaria)”. Il presidente ha, quindi, invitato i sindaci a formalizzare le proprie richieste entro il 15 gennaio 2015, “al fine di assicurare la necessaria organicità alla gestione delle procedure di assegnazione del personale di interesse.
“Sono convinto – dichiara Di Marco – che il futuro dei dipendenti della Provincia sia strettamente legato alle loro competenze e professionalità, qualità che i dipendenti di palazzo dei marmi hanno e che potranno sicuramente mettere al servizio degli enti comunali, molti dei quali sott’organico. Ho chiesto, a tal proposito, ai sindaci e ai miei uffici di censire i lavoratori degli enti pubblici in servizio sul nostro territorio. La riorganizzazione delle Province, infatti, è una realtà, ormai, e solo collaborando tutti sarà possibile salvaguardare il futuro lavorativo dei suoi dipendenti e continuare a garantire il corretto svolgimento di attività e servizi strategici e fondamentali per il territorio e per i cittadini”.


Add this to your website