• torre_de_passeri.jpg
  • tocco_da_casauria.jpg
  • cugnoli.jpg
  • sede_provincia_pescara.jpg
  • cepagatti.jpg
  • salle.jpg
  • nocciano.jpg
  • la_figlia_di_jorio.jpg
  • alanno.jpg
  • penne.jpg
  • rosciano.jpg
  • loreto.jpg
  • moscufo.jpg
  • villaceliera.jpg
  • montesilvano.jpg
  • vicoli.jpg
  • roccamorice.jpg
  • abbateggio.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home In evidenza Comunicati Stampa Il Presidente Di Marco a Roma per discutere del futuro delle Province

dimarcoNella giornata di oggi il Presidente della Provincia di Pescara, unico rappresentante delle Province d’Abruzzo, ha preso parte all’assemblea del direttivo dell’Anci a Roma, al tavolo attivato dal senato per studiare una strada che permetta di modificare il maxiemendamento sul futuro delle Province.

“In rappresentanza degli enti provinciali abruzzesi mi sono recato nella capitale oggi, per seguire da vicino la procedura che riguarda la legge di stabilità al senato e per far sentire forte la voce dei presidenti di tutte le Province d’Italia – ha dichiarato Di Marco -. Ad oggi è indubbio che se c’era un ente da accorpare e ridimensionare questo doveva essere la Regione e non certo le Province, che negli anni hanno svolto, e potrebbero continuare a volgere, se la riforma non ce lo impedisse, un ruolo fondamentale per la vita delle istituzioni italiane. Il dramma del bilancio del nostro Paese non è certo Palazzo dei Marmi, o i suoi affini, e al tavolo ho ribadito la mia forte e netta contrarietà alla campagna che si è fatta in questi anni contro gli sprechi dell’ente. I veri sprechi, infatti, sono altrove. Per quanto riguarda, poi, il personale della struttura che rappresento, voglio dire ai dipendenti che farò di tutto per tutelarli e che sto già studiando ed elaborando con i tecnici approfondimenti per non intervenire sull’organico. Dietro ognuna di quelle persone, infatti, oltre a professionalità certificate e competenze, ci sono famiglie pescaresi che vivono, molto spesso, di quell’unico stipendi. So che anche gli altri presidenti stanno portando avanti la mia stessa battaglia, per rispondere con azioni concrete alle modifiche previste dalla legge Del Rio, che oggi ho saputo, comunque, non essere applicabili prima dei prossimi due anni. Abbiamo tempo per lavorarci su, non arrendiamoci”.


Add this to your website