• territorio.jpg
  • scuole.jpg
  • ambiente_energia.jpg
  • turismo.jpg
  • servizi_istituzionali.jpg
  • innovazione.jpg
  • sociale.jpg
  • informatica.jpg
PROVINCIA DI PESCARA
Sei qui: Home Presentazione PIT FAQ

Frequently Asked Questions

Le Frequently Asked Questions, meglio conosciute con la sigla FAQ, sono letteralmente le "domande poste frequentemente"; più esattamente sono una serie di risposte alle domande più ricorrenti, alle quali si preferisce rispondere pubblicamente con un documento. 

 


- Come presentare la richiesta dell’acconto del contributo (allegato IV), e successivamente la documentazione da rendere al termine della realizzazione del progetto ?

E’ possibile procedere con la trasmissione a mezzo PEC, a mezzo RACC. A/R o anche con consegna a mano. In ogni caso dovranno essere acquisite in originale le liberatorie dei fornitori e la perizia tecnica giurata (al momento della presentazione della richiesta del saldo).

- Nel caso in cui sia avanzata richiesta di acconto del contributo, qual è indicativamente la tempistica con la quale viene liquidato ?
L'iter della richiesta di acconto è il seguente: verifica completezza documentale da parte del Servizio scrivente, acquisizione del Durc regolare, accertamento della regolarità della spesa da parte del Servizio Controllo I livello, adozione dell'atto di liquidazione da parte del Servizio scrivente , esecuzione del mandato di pagamento. I tempi vanno da un minimo di 45 ad un massimo di 90 giorni dal ricevimento dell'istanza.

- Il termine fissato per il completamento del programma di investimento (8 mesi dalla data di pubblicazione sul BURA della graduatoria delle imprese finanziate) si riferisce alla data ultima entro la quale deve essere comunicata l’avvenuta conclusione dell’intervento, oppure entro tale data deve essere inviata anche tutta la documentazione da presentare a conclusione del progetto ?
La scadenza degli 8 mesi (o 10 in caso di concessione di Proroga) è la data entro la quale il programma di investimento deve essere completato, vale a dire la data entro la quale deve avvenire il pagamento dell’ultima fattura portata a rendicontazione (data di addebito delle somme sull’estratto conto bancario/postale).

La documentazione relativa alla rendicontazione finale per la richiesta del saldo deve essere inviata entro 60 giorni dalla conclusione dell’intervento (trattasi in ogni caso di termine ordinatorio, decorso inutilmente il quale la Provincia fisserà un termine perentorio entro cui presentare la documentazione per la richiesta di saldo - art. 15 del Bando) La comunicazione di conclusione dell’intervento dovrà essere fatta a seguito di completamento del programma e prima della presentazione della richiesta di saldo o anche contestualmente alla stessa richiesta di saldo.

- Con quale modalità deve avvenire la comunicazione dell’avvenuta conclusione dell’intervento ?
In carta libera con trasmissione a mezzo PEC, Racc. A/R o con consegna a mano.

- Una volta ricevuto il saldo finale la polizza viene svincolata automaticamente o c'è bisogno di fare richiesta alla Compagnia Assicurativa, previa presentazione di documentazione attestante l'erogazione del saldo da parte della Provincia di Pescara ? 
La polizza fideiussoria presentata recita al punto 4) “la presente garanzia fideiussoria ha efficacia fino all’erogazione del saldo del contributo allorché è svincolata automaticamente e comunque entro e non oltre i tre anni successivi alla richiesta di anticipazione, salvo gli svincoli parziali che possono essere disposti sulla base degli accertamenti effettuati dall’Amministrazione medesima, attestanti la conformità tecnica ed amministrativa delle attività svolte in relazione all’atto di concessione del contributo” Lo svincolo avviene quindi all’atto di erogazione del saldo in maniera automatica, cioè senza che l’Amministrazione fornisca il suo benestare; sarà il contraente a consegnare all’istituto garante idonea documentazione probatoria dell’avvenuta erogazione del saldo.

- In caso di variazione dell'entità del finanziamento ovvero di spesa rispetto al progetto precedentemente presentato, sorge l'obbligo di comunicazione ? Se si, attraverso quali modalità ?
L’obbligo di comunicazione si configura nel momento in cui si realizzi una variazione al progetto di investimento approvato (es. in caso di cambiamento della tipologia delle spese e/o dell’idea progettuale).
La mera modifica del fornitore non certificato o dell’oggetto/servizio acquistato a parità di categoria merceologica/servizio non comporta la presentazione di istanza di variazione (art. 5 del Bando). La comunicazione può avvenire a mezzo PEC.

- Se il beneficiario del finanziamento ha una contabilità semplificata, quella separata riguardante il progetto potrà essere la stessa o dovrà essere necessariamente ordinaria ?
Il beneficiario continuerà ad avere il proprio regime contabile (semplificato o ordinario che sia); la contabilità separata richiesta dall’art. 15 del Bando si riferisce alla possibilità di estrapolare dalla contabilità generale del beneficiario le operazioni afferenti il PIT (ad es. attraverso una mera codifica contabile dedicata).

- Quale figura professionale può asseverare la perizia giurata nella fase finale del progetto ?
Deve trattarsi di un esperto della materia, estraneo all’impresa richiedente ed iscritto in un albo professionale attinente al progetto (es. ingegnere, dottore commercialista, ecc.) (art. 16 del Bando).

- La dicitura di cui all'art.17 del bando "Intervento cofinanziato dall'Unione Europea.......linea d'intervento A.1.1. o B.1.1." in quali casi dovrà essere utilizzata ?
La summenzionata dicitura deve essere apposta su tutti i giustificativi di spesa, vale a dire su tutte le fatture. Con l’occasione si raccomanda l’apposizione, oltre che della dicitura citata, anche del CUP. Tale apposizione deve essere fatta sugli originali dei giustificativi di spesa e solo successivamente deve essere estratta la copia.

- L'allegato XI del bando in quali casi deve essere esibito ?
L’allegato in questione è il modello per la realizzazione della targa relativa al finanziamento ottenuto; tale targa deve essere apposta sui beni acquistati con il suddetto finanziamento e i beni “targati” devono essere fotografati così come previsto all’art. 16 del Bando, al quale si rinvia.

- La richiesta del saldo deve essere inoltrata esclusivamente tramite Pec? I file devono essere in formato p7m ?
La richiesta del saldo può essere inoltrata a mezzo PEC, Racc. A/R o consegnata a mano. In caso di trasmissione del saldo a mezzo PEC i file potranno essere non necessariamente p7m, ma anche PDF. Dovranno essere comunque acquisiti in originale la perizia asseverata e le liberatorie dei fornitori.

- Il c/c che si indicherà per l'accredito della somma deve essere costituito a tale scopo oppure si potranno fornire le coordinate bancarie dell'istituto dedicate alla propria attività ?
Non è necessario aprire un nuovo conto corrente; è necessario comunicare gli estremi del conto che si intende “dedicare” alle transazione con l’Amministrazione Provinciale di Pescara, nonché le generalità delle persone titolate ad operarvi.


Add this to your website
Ultimo aggiornamento ( Martedì 11 Novembre 2014 16:08 )